Raffaella Menchetti

"L'agglomerato di realtà che viviamo può essere raccontato in sovrapposizioni di linguaggi...da lontano un flusso di informazione continua ci fa apparire tutto sullo stesso piano..avvicinandoci al quadro si perde la visione d'insieme..." 

Raffaella Menchetti ha iniziato la propria formazione artista ad Urbino, spostandosi successivamente a Valencia, dove ha intensificato le proprie esperienze partecipando a laboratori e corsi teatrali. Rientrata in Italia, segue i corsi di in Grafica d’arte e si laurea in Nuove Tecnologie per l’arte presso l'Accademia di Belle Arti di Brera, dove è stata assistente per due anni alla cattedra del corso di Anatomia Artistica del professor Pierluigi Buglioni. Intanto, continua lo studio teatrale diplomandosi alla scuola di teatro Arsenale. Sin da giovanissima ha costantemente indirizzato i propri interessi verso la ricerca artistica e la sperimentazione, spaziando dalla fotografia ,al video al teatro ed alla figurazione. In connessione con gli studi, ha svolto un’ intensa attività espositiva sperimentale e performativa sia in Italia (Milano Ex studio di Piero Manzoni, spazio Oberdan, La fabbrica del vapore, Biennale di Venezia Teatro 2013-2015-2016) che in campo internazionale(Taipei “Nanhay Gallery”,Cracovia “Academy of fine arts gallery”, Budapest “Mom Gallery” Istambul “Mix Gallery”, Parigi “Rivoli 59”, Wroclaw “Instituto Grotowski”) Negli ultimi anni l’artista lavora sulla tematica dell’identità, utilizzando la transmedialità dei linguaggi artistici in progetti pluridisciplinare. Ad oggi lavora come video artista, perfomer, attrice free lance, videomaker e regia per programmi televisivi.