Fabio Fojanini

"Il miracolo non è quello di camminare sulle acque, ma di camminare sulla terra verde nel momento presente e d’apprezzare la bellezza e la pace che sono disponibili ora."
Thich Nhat Hanh

Sono nato a Milano dove vivo e lavoro.

Mi piace fotografare il mondo dell’arte contemporanea perché la trovo imprevedibile e perché nella sua eccentricità, stramberia e, diciamolo pure, pazzia, rispecchia, forse meglio di ogni altra cosa la follia del mondo d’oggi; quel caos di linguaggi, quella cacofonia di messaggi, quella moltitudine di forme e stili ed espressioni diverse rappresentano la sublimazione artistica del periodo in cui viviamo, ossia il caos.

Poi c’è la realtà, quella vera fatta di  persone e cose che mi piace riprendere con un occhio se possibile un po’ ironico,  un po’ divertito. L’esperienza più che decennale nel campo  dell’editoria come photoeditor delle riviste Carnet e Dove mi hanno insegnato a dare un giusto valore a ciò che si fa senza prendersi troppo sul serio, per cui amo la fotografia come strumento di comunicazione ma con quel pizzico di gioco, di divertissement che non guasta.